20 novembre 2018

PET-TC con Gallio-PSMA per i tumori della prostata

La PET-TC con Gallio-PSMA (antigene di membrana specifico della prostata) è una nuova metodica diagnostica di Medicina Nucleare utile nella stadiazione e re-stadiazione dei pazienti affetti da tumore della prostata che si inserisce nell’ambito delle prestazioni che la Casa di Cura Privata Pio XI fornisce ai Suoi Pazienti.

Il Gallio-PSMA è un “radiofarmaco” (o “tracciante radioattivo”), non un mezzo di contrasto e non può causare nessuna reazione allergica.

Il Ga-PSMA, al contrario della F-Colina, viene prodotto nel reparto di Medicina Nucleare della Casa di Cura PIO XI, piuttosto che trasportato da una sede di produzione dotata di un ciclotrone, e deve passare dei rigidi controlli di qualità prima di poter essere iniettato.

La sostanza radioattiva è il Gallio che viene prodotto da un Generatore di Germanio-Gallio che viene eluito per l’uso e legato tramite un modulo di sintesi al PSMA, che è un antigene di membrana specifico della prostata. Il PSMA si rileva in elevata quantità sulla superficie delle cellule cancerose della prostata e il suo numero sembra aumentare in base all’aggressività della malattia.

Ciò rende il PSMA un target ideale per individuare le cellule cancerose della prostata con l’imaging nucleare.

La PET-TC con Ga-PSMA è risultata superiore alla PET-TC con F-Colina nella individuazione del tumore della prostata, della recidiva locale dopo prostatectomia radicale e nella individuazione di metastasi linfonodali ed ossee.

In particolare la PET-TC con Ga-PSMA è in grado di rilevare una ripresa di malattia da tumore della prostata quando i valori di PSA sono bassi ed in particolare con valori di PSA < 1 ng/ml, quando l’accuratezza della PET-TC con F-Colina è particolarmente bassa ed il Paziente si trova in una finestra temporale in cui le terapie hanno la maggior possibilità di essere risolutive.